Mer10162019

Warning: mysqli_num_rows() expects parameter 1 to be mysqli_result, boolean given in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/libraries/joomla/database/database/mysqli.php on line 263 Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/components/com_banners/models/banners.php on line 180 Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/components/com_banners/models/banners.php on line 203
Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ilmeridiano.net/home/modules/mod_tcvn_banner_slider/tmpl/default.php on line 25

la valle eventi new

autonoleggio

Back Sei qui: Home Notizie Area Nolana Area Nolana Cimitile: Presentato 'I Nonni Raccontano… I Mestieri'

Cimitile: Presentato 'I Nonni Raccontano… I Mestieri'

In occasione della XXIV edizione del “Premio Cimitile”, la Fondazione ha presentato la seconda edizione del lavoro curato dall’Associazione “TERRA MIA”, giovedì 12 giugno 2019.

i nonni raccontanoN.R.- 09.06.2019 - In occasione della XXIV edizione del “Premio Cimitile”, la Fondazione ha presentato il libro “I nonni raccontano… i mestieri.”, a cura dell’Associazione “TERRA MIA”, presso il Complesso Basilicale Paleocristiano di Cimitile, Giovedì 12 giugno 2019, alle ore 19.00. L’Associazione di Promozione giovanni petillo pres. Terra MiaSociale “Terra Mia” di Cimitile, iscritta all’Albo Regione Campania, è nata nell’ottobre del 2011 da un’idea del dott. Giovanni Petillo, presidente della stessa.

Il volume nasce da un progetto di volontariato fortemente voluto dalla coordinatrice del progetto: Pina Pignatelli, con lo scopo di poter mettere in risalto la storia personale e, soprattutto, lavorativa dei suoi protagonisti.

I nonni raccontano IMG 20170616 WA0005201Il progetto ha visto, in una prima fase, 8 autori: Rossella Bozzoli, Rossana Maccaro, Leonardo Napolitano, Anna Maria Peluso, Giuseppe Petillo, Felice Petillo, Alberto Russo, Fortuna Scafuro, ascoltare e registrare la vita di 10 pensionati del territorio di Cimitile: Carmelina Amato, Pasquale Ambasciano, Generoso Angelillo, Armando Balletta, Giuseppe De Falco, Grazia Ferullo, Felice Maccaro, Antonio Peluso, Biagio Sabatino, Carlo Scafuro e, successivamente, trascrivere questi racconti per renderli fruibili ai lettori.

I nonni raccontano 1560097533Con impegno e passione, con il coordinamento del dott. Alberto Russo, Sociologo, e la supervisione del dott. Giovanni Petillo e della coordinatrice del progetto, prof.ssa Pina Pignatelli, gli operatori hanno portato a termine il difficile lavoro, ottenendo un risultato a dir poco eccezionale.

Pina PignatelliQuesto il suo commento:“Lo scopo di questo secondo libro, in cui i nonni raccontano, sono i mestieri oramai desueti ed abbandonati. L’obiettivo principale del progetto è stato quello di sottolineare che gli anziani sono una risorsa preziosa, attraverso la memoria dei loro mestieri, quasi dimenticati, e la loro disponibilità a raccontarli e a insegnarli alle nuove generazioni, nel campo della formazione, magari, in veste di Tutor, anche in relazione alla continua trasformazione del mondo del lavoro e alla valutazione dei rischi che si possono incontrare, e alla prevenzione per la sicurezza sul lavoro consigliata dalla loro saggezza ed esperienza”.

Alberto RussoCosì, invece, il curatore della pubblicazione, dott. Alberto Riusso: “Anche nella raccolta di queste storie, legate ai dei Mestieri delle persone e presentate in questo libro, si è dimostrata la validità e l’enorme potere che ha “Il racconto”, quello cioè di far conoscere alle nuove generazioni di oggi avvenimenti successi nel secolo scorso; di portare alla luce come le giovani generazioni di ieri hanno, con molta difficoltà e sacrifici, imparato un “mestiere” che poi è diventato fonte di reddito e professionale della propria vita, fino alla costruzione di nuovi nuclei familiari; di valorizzare queste esperienze di vita, cosa che, non solo è doveroso da parte delle nuove generazioni di oggi, ma è anche un segno tangibile e di riconoscimento che tutti noi abbiamo verso i nostri genitori, per di tutto quello che hanno fatto”.