Gio01172019

autonoleggio

Back Sei qui: Home Notizie Nazionali & Estero Operazione globale di polizia, con dozzine di sospetti mafiosi tra Europa e Sudamerica

News Campania e Estero

Operazione globale di polizia, con dozzine di sospetti mafiosi tra Europa e Sudamerica

Almeno 87 sospetti membri del clan italiano della 'Ndrangheta sono stati arrestati in incursioni coordinate in Europa e nel Sud America.

ky 362884765 eurojustmc. ferrara - 21.12.2018 - A meno di una settimana, che ha visto arrestare il capo della mafia siciliana e numerosi affiliati di altre organizzazioni criminali, per la prima volta, a livello internazionale si è svolta un’imponente operazione di polizia, coordinata dalla DNA, coinvolgendo la Procura di Reggio Calabria, Eurojust ed Europol, che ha visto impegnate forze dell’ordine tra Guardia di Finanza e Polizia Italiana, Germania, Paesi Bassi e Belgio contro la ‘ndrangheta, insediata in Europa e Sud America. La polizia in Europa e in Sud America ha arrestato almeno 87 mafiosi in una massiccia repressione internazionale contro un potente ramo della famigerata mafia italiana.

Centinaia di agenti hanno preso parte all'operazione, in Germania, Italia, Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo e Suriname contro il clan 'della ndrangheta, uno dei tre principali gruppi criminali organizzati in Italia. La polizia ha sequestrato quattro tonnellate di cocaina, 120 chilogrammi di ecstasy e circa 2 milioni di euro ($ 2,3 milioni) in contanti da località che includono ristoranti italiani e gelaterie. Gli arrestati sono sospettati di traffico di droga, riciclaggio di denaro sporco, corruzione e violenza, il tutto verificato da un reticolo d’indagini capillari coordinate da Eurojust, l'agenzia europea che opera per sostenere e rafforzare il coordinamento e la cooperazione tra autorità giudiziaria nella lotta contro le forme gravi di criminalità transazionale.

Durante la conferenza stampa a l’Aia il Dott. Filippo Spiezia, Vice Presidente di Eurojust, ha dichiarato: "Oggi abbiamo lanciato un chiaro messaggio alle alleanze criminali in tutta Europa, e non sono gli unici che possono lavorare oltre confine, è un risultato senza precedenti e straordinario" che ha colpito "i membri pericolosi della famiglia della ndrangheta profondamente coinvolti nel traffico di droga e nel riciclaggio di denaro sporco".

Le incursioni al culmine dell’indagine denominata "Pollino"; era stata lanciata nel 2016 contro la 'Ndrangheta. Le coordinate in cui si muove la 'Ndrangheta sono, tra i comuni e le famiglie calabresi, la "punta" rurale, montuosa e sottosviluppata dello stivale d'Italia. Principalmente 41 arresti sono stati effettuati a Catanzaro.

In Olanda gli arresti sono stati 5, dove i pubblici ministeri olandesi hanno dichiarato che le indagini sono iniziate nel 2014 dopo aver notato il riciclaggio di denaro in due ristoranti italiani nel sud che mostravano legami criminali con la Germania e la Calabria, territorio egemone della 'ndrangheta.

In Germania, l'operazione si è concentrata su ristoranti, uffici e appartamenti, principalmente nel Nord Reno-Westfalia e della Baviera con 21 arresti, sono stati perquisiti 65 locali collegati al gruppo criminale del sud Italia. Due persone sono state arrestate anche in Lussemburgo e una in Suriname

L'agenzia di polizia europea Europol ha dichiarato che si tratta di un "colpo decisivo contro una delle più potenti reti criminali italiane nel mondo". Il procuratore antimafia italiano, Federico Cafiero De Raho, ha affermato che le operazioni avrebbero avuto ripercussioni sulle operazioni di narcotraffico della 'ndrangheta in tutto il mondo, tra cui Colombia, Ecuador e Brasile. Ma ha avvertito che era "solo un primo passo", dicendo che gli arresti erano "niente per la 'ndrangheta, ci sono migliaia di persone che dovrebbero essere arrestate e miliardi che dovrebbero essere arrestate e miliardi che dovrebbero essere sequestrati".

Sequestro e confisca dei beni mafiosi perdurano, in ogni parte del mondo interessate alle indagini, dando ottimi risultati; sicuramente nonostante le difficoltà logistiche e strutturali è stata una maxi operazione che comporterà il rilancio delle indagini transazionali.

(La foto è tratta da TVSVIZZERA.it, articolo ‘ndragheta arresti tra Europa e Sudamerica)