Sab09222018

autonoleggio

Back Sei qui: Home Sport Calcio NAPOLI: ANCELOTTI PENSA AI CAMBI CONTRO LA SAMPDORIA

Sport

NAPOLI: ANCELOTTI PENSA AI CAMBI CONTRO LA SAMPDORIA

ancelotti conferenzaNon c'è due senza tre....Dopo le vittorie contro Lazio e Milan, domenica il Napoli farà visita alla Sampdoria e vuole centrare la terza vittoria di fila in campionato: "C'è la possibilità che possa cambiare qualcosa - ha detto Carlo Ancelotti in conferenza -. E' importante vincere. Sappiamo le difficoltà che incontreremo, ma siamo convinti di poter fare un'ottima partita". Sulla Champions: "E' un girone difficile, ma non credo che a Parigi abbiano stappato Champagne sapendo di giocare contro il Napoli".

Domani può valere un allungo su Roma e Milan?

"No, credo sia ancora presto per pensare alla classifica. Siamo concentrati su quello che vogliamo fare domani. E' importante mantenere questa linea, vincendo la partita, la Samp ha un'ottima organizzazione con un tecnico capace. Sappiamo le difficoltà che incontreremo, ma siamo convinti di poter fare un'ottima partita".

Sulla formazione con la Sampdoria?

"Se cambio qualcosa è solo per tenere il gruppo motivato, non per demerito di qualcuno. Per fortuna sono più di 11 che meritano di giocare. C'è la possibilità che dunque domani possa cambiare qualcosa per questa ragione".

Sul girone di Champions cosa pensa?

"Di insuperabile non c'è niente. Difficile lo è, perché ci sono tre squadre di alto livello e poi c'è una outsider come la Stella Rossa. Ci sarà un ambiente particolare a Belgrado, so cosa vuol dire giocare lì. E' un girone difficile. Ma non credo che a Parigi abbiano stappato Champagne sapendo di giocare contro il Napoli. Saranno tante belle sfide molto stimolanti, ce le giocheremo al 100%".

Sulla prima parte delle gare con Lazio e Milan?

"Sono state diverse, con la Lazio c'era timidezza secondo me a livello mentale. Col Milan intensità non alta e difficoltà nel creare occasioni, ma sono cose distinti. Vogliamo iniziare bene, non sempre rimontare è possibile. Abbiamo lavorato su queste situazioni".

Su Hamsik e Diawara.

"Il fatto di giocare tutta la partita è un luogo comune che mi piacerebbe cambiare. Quando hai una rosa competitiva, il fatto di giocare 60-70' è come giocarne 30. Devo sfruttare queste risorse. Tante volte è meglio giocare solo 30'. Hamsik è molto serio, sono stato contento di Marek dal primo giorno in quella posizione. Per me ha qualità diverse da Diawara, ha una tecnica e un'esperienza diversa. Diawara ha invece entusiasmo e freschezza, Sono due giocatori che voglio tenere perché sono importanti. Se posso sfruttare entrambi, lo faccio".

Su Verdi.

"Possono esserci tutti. Chiunque io scelga non fa diminuire la qualità della squadra".

Sulla fase difensiva da migliorare.

"Certo, abbiamo preso due gol chiari su cambi gioco e l'abbiamo analizzato in settimana per porre rimedio. Ma non è solo un problema della difesa quando si prende gol".

Su Diawara.

"Teniamo in considerazione le caratteristiche dell'avversario, ma la nostra idea è quella di seguire la nostra filosofia di gioco o con Hamsik o con Diawara. Non cambia niente".

Su Fabian Ruiz.

"Sta bene, è in una buona condizione. Non farà il regista. Nazionale? Sicuramente nei prossimi anni il suo futuro sarà con la nazionale maggiore spagnola".

Sulle italiane in Champions."Juve e Roma hanno un calendario più abbordabile, Inter e Napoli più complicato. L'augurio è che possano avanzare tutte e 4".

La situazione infortunati.

"Stanno tutti recuperando, la nostra idea è di non mettere fretta a nessuno. Nonabbiamo bisogno di mettere pressioni. Younes ha ripreso a correre e sta andando molto bene, Ghoulam ha un controllo settimana prossima e sta cominciando a correre. Anche Meret sta migliorando e credo che a breve saranno tutti con noi".

Sulla vittoria e il bel gioco.

"Se giochi bene hai più possibilità di vincere, ma il calcio è un gioco strano. Non sempre giocare bene ti porta alla vittoria. Noi dobbiamo pensare a come arrivare alla vittoria e ci puoi arrivare solo sfruttando bene i giocatori a disposizione. Si può vincere in tanti modi. Conta la filosofia collettiva, tutti devono sentirsi coinvolti e bisogna creare un'atmosfera positiva. Vedo molto altruismo nella rosa e questo è molto positivo".