Mar08142018

autonoleggio

Back Sei qui: Home Sport Calcio Marigliano: Un Torneo di calcetto in memoria di Anatoliy Korol

Sport

Marigliano: Un Torneo di calcetto in memoria di Anatoliy Korol

La camorra fuorigioco con il calcio!

locandina Torneo di calcettoC.S. – 09.06.2018 - Un torneo di calcetto per ricordare Anatoliy Korol, vittima innocente della criminalità, che nel 2015 perse la vita nel tentativo di sventare una rapina al supermercato Piccolo a Castello di Cisterna: un uomo che “non si girò dall’altra parte”!

Protagonisti dell’evento sono stati i ragazzi delle classi quarte dell’istituto comprensivo “don Milani  Aliperti” di Marigliano. Oltre alla  presenza della famiglia di Anatoliy ( Nadia, Anastasia e Lisa), sono state invitate le istituzioni del  territorio, tra cui il Sindaco del Comune di Marigliano, Antonio Carpino, il Console Ucraino ed il Presidente della Fondazione Polis don Tonino Palmese. Un torneo di calcio per fare memoria e impegno contro le mafie e la corruzione, con la finalità di imparare giocando: un modo diverso di fare scuola attraverso attività che mettono insieme ed in relazione non simmetrica il mondo dei bambini e quello degli adulti.

Studiare le scienze matematiche e fisiche e scoprire che possono essere applicate al gioco del calcio; rispettare le regole come strumento organizzativo per divertirsi meglio ed insieme; comprendere che una corretta alimentazione è necessaria per affrontare le fatiche di una prestazione sportiva, ma anche la vita di tutti i giorni; apprendere dalle sconfitte come migliorarsi in futuro; costruire il “NOI” per imparare ad uscire insieme dai problemi e a difendersi dalle culture violente ed egocentriche: questi gli insegnamenti che il progetto intende lasciare agli scolari. E sono stati proprio gli scolari i protagonisti dell’evento, svolgendo il ruolo di allenatori, di arbitri, di dietologi, di esperti di logica, di matematica, di geometria, di giornalisti e di cine operatori,  dei presidenti, di legali e …. I genitori sono stato il grande pubblico che ha assistito agli incontri: è stato un momento di relazione e di incontro tra scuola e famiglie, ma anche uno specchio in cui riflettersi come adulti nei confronti del mondo dei bambini, un momento di chiarimento contro lo “star-system” ed un’occasione per creare nuovi spazi di relazione ed incontro.

Una Rete di realtà ha curato e costruito questo lungo ed impegnativo percorso: la società sportiva dilettantistica “Centro Sportivo AZZURRO”, la Fondazione Polis Regione Campania, L’I.C. don Milani –Aliperti, la Cooperativa sociale A.R.S., l’Associazione LIBERA contro le mafieTutti insieme contro mafie e corruzione per dare futuro al futuro. “Non è solo un momento di sport - dice Antonio D’Amore, referente di Libera Napoli - ma un esperimento concreto in cui gli adulti ed i bambini si incontrano e si confrontano, dimostrando che i ragazzi accompagnati sono capaci di dare il meglio. Un momento per fare memoria, ricordare un eroe sociale, un giovane ucraino, Anatoliy Korol, che durante un rapina intervenne perché convinto che fosse la cosa giusta da fare, un invito a ‘non girarci dall’altra parte’, ad essere cittadini attivi ed attenti al bene di tutti”.

Per la cronaca, alla manifestazione, che si è tenuta nella Palestra dell’Istituto Comprensivo Don Milani di Marigliano, hanno preso parte sei società di calcio del nostro territorio: Centro Sportivo Azzurro 2009, I.c. Don Milani-Aliperti, Asd Royal Akery, San Benedetto Comiziano, Centro Sportivo Azzurro 2008 e la Cantera Acerra. Due gironi da tre.