Mar08142018

autonoleggio

Back Sei qui: Home Sport Altri Sport Legabasket Serie A - Quarti di Finale Gara 4: Dolomiti Energia Trentino regola la Sidigas Avellino 3 a 1 e vola in semifinale

Sport

Legabasket Serie A - Quarti di Finale Gara 4: Dolomiti Energia Trentino regola la Sidigas Avellino 3 a 1 e vola in semifinale

Trentino: Franke, Sutton 10, Silins 14, Ladurner ne, Forray 5, Flaccadori 17, Gutierrez 4, Doneda ne, Hogue 17, Lechthaler, Shields 17. All. Buscaglia.

Avellino: Zerini, Wells 10, Fucci ne, Leunen 6, Scrubb 7, Filloy 13, Renfroe 6, D'Ercole, Rich 10, Auda 10, Fesenko 6, Parlato ne. All. Sacripanti.

Arbitri: Lanzarini, Bartoli, Grigioni.

Sidigas Trento news158663A.N. - 20.05.2018 - La cronaca - Ko e finale di stagione amarissimo per la Sidigas Avellino che in avvio sembra restare a galla, ma poi sprofonda lentamente. Nell’incontro di sabato 19 maggio finisce sotto di 16 punti con il risultato di 84-68. Con questo risultato, i lupi di coach Stefano Sacripanti dicono addio al sogno Scudetto, mentre Dolomiti Energia Trento vola in semifinale.

La Sidigas rimane in scia al 10' sul 21-20 e limita il divario anche prima dell'intervallo lungo rientrando negli spogliatoi con 42 a 37. Nel terzo quarto, in avvio di ripresa, Dolomiti Energia Trento  vola sul +10 al 30' (66-56). L'ultimo quarto sancisce l’addio del sogno biancoverde, in una stagione nata in modo eccellente e chiusa con tanti passaggi a vuoto tra Coppa Italia, competizioni europee e play off. Trento firma il pass finale con le prove di Flaccadori, Hogue e Shields: 51 punti in 3. All’ Avellino non basta Filloy (13 punti). In doppia cifra anche Wells, Auda e Rich con 10. Dopo questa partita e questo risultato, inizia la fase d'analisi in casa irpina.

Sacripanti safe imageLe dichiarazioni del Mister - "Risultato giusto, Trento è stata più forte, perché più energica, atletica. Ha avuto un passo decisamente superiore al nostro". Il coach della Sidigas Avellino, Stefano Sacripanti, ha commentato così il ko di Trento in Gara 4 che tira via dai giochi Scudetto la Scandone:  "Abbiamo avuto 20 minuti di buone speranze. Giocando senza Jason Rich e andando subito sotto di 10 con tre grandi folate di Trento siamo comunque arrivati, all'intervallo, attaccati alla partita. - ha aggiunto il tecnico biancoverde - Speravo, pensavo, credevo che nei 20 minuti successivi Rich ci potesse dare qualcosa, che tutti quanti fossero così pronti per fare quella rimonta. Invece siamo stati ricacciati subito a -10 e da lì è stato molto difficile ritornare e rimontare. Credo che la differenza l'abbia fatta l'atletismo con cui Trento ha giocato e parlo di questa gara ………. onore e complimenti a Trento. Gli faccio gli auguri per il finale di stagione. Credo di ringraziare la proprietà della Sidigas: in questi tre anni abbiamo fatto comunque tre finali, abbiamo cercato di mettere sempre una buona squadra a disposizione. Ringrazio Nicola Alberani che ha lavorato sempre insieme a me e ringrazio tutti i nostri tifosi che forse non si meritavano di non vedere Gara 2 in casa nostra e che ci richiedevano di vedere almeno Gara 5 a Roma ……. Abbiamo fatto una finale FIBA, alla fine del girone di andata eravamo primi in classifica. Ci siamo battuti come dei matti fino in fondo per arrivare dove siamo arrivati. Poi c'è mancato qualcosa. Ha vinto Trento e facciamo i complimenti”.