Mar12182018

autonoleggio

Back Sei qui: Home Politica e Ambiente Ambiente Sperone: Presentato il centro in aiuto delle Famiglie “Kàrman

Politica e Ambiente

Sperone: Presentato il centro in aiuto delle Famiglie “Kàrman

Il Centro si pone come punto di riferimento per l’individuo e le famiglie del territorio.

Karman 2C.S. - 14.03.2018 - E’ stato presentato a Sperone, presso la Sala consiliare del Comune, il Centro per le famiglie “Kàrman”, con sede presso i locali di via dei Funari di proprietà dell’Ente di Piazza Luigi Lauro. Presenti al tavolo dei lavori il primo cittadino di Sperone Marco Santo Alaiala dott.ssa Maria Tarantino, direttore Ambito territoriale A6; la dott.ssa Luisa Bellopede, psicologa e psicoterapeutica; il dott. Pietro Bianco, psichiatra; il dott. Cinzia Fico, medico chirurgo specialista in Neuropsichiatria infantile, oltre al Dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Giovanni XXIII, il prof. Vincenzo Serpico

Karman 1Tutti i presenti hanno evidenziato l’importante dell’iniziativa, nata per volontà della Cooperativa sociale Onlus “Nessi”,  e che il comune di Sperone ha sposato immediatamente. 

Il Centro Kàrman, il cui nome significa come ha spiegato la dottoressa Bellopede, significa “fare” o “causare”, presupponendo la condizione di “creare qualcosa agendo”, si pone come punto di riferimento per l’individuo e le famiglie del territorioLa famiglia e la comunità sono intese come una risorsa da sostenere e valorizzare nelle loro capacità relazionali, educative e di cura responsabile.

Karman 3Il centro si propone come punto di riferimento in modo particolare per quelle famiglie che si trovano a vivere fasi critiche del ciclo vitale ed è rivolto ai cittadini (minori, adulti, anziani) dei comuni dell’Ambito A6, interessando le famiglie residente nel territorio: con quelli dei figli minori, monoparentali, di recente immigrazione, giovani coppie, nuclei  che si trovano ad affrontare difficoltà temporanee o permanenti. La sua utilità, inoltre, non è limitata esclusivamente al comune di Sperone, ma aperto all’intero Baianese-Alto Clanio e perchè no anche ad altre aree.

A seguire l’importante evento un folto gruppo di persone che ha riempito la sala seguendo con attenzione l’intera discussione.