Sab01202018

autonoleggio

Back Sei qui: Home Notizie Nazionali & Estero Antica Pompei: Aperti al pubblico gli esclusivi quartieri panoramici a terrazze e la Casa del Marinaio

News Campania e Estero

Antica Pompei: Aperti al pubblico gli esclusivi quartieri panoramici a terrazze e la Casa del Marinaio

I lavori eseguiti nell'ambito del Grande Progetto Pompei

Championnet 1Pietro Luciano – dicembre 2017 - Con due grandi interventi di messa in sicurezza e di restauro, portati a compimento nell'ambito del Grande Progetto Pompei, hanno consentito l’apertura al pubblico degli esclusivi quartieri panoramici a terrazze dell'antica Pompei.

Si tratta del complesso cosiddetto di Championnet: un insieme di eleganti edifici residenziali, oltre 60 ambienti, finemente decorati e articolati in diversi atri e peristili, che, disposti a terrazza a sud ovest  del pianoro di Pompei, si affacciano a panoramica sulla Piana del Sarno.

A Pompei riaprono Domus chiuse da decenni tra queste la Casa dei Mosaici Geometrici 41Oltre a questi edifici residenziali è stata aperta al pubblico anche la casa del Marinaio, edificio a doppio atrio, con impianto termale privato e un ampio sotterraneo adibito a panificio; un unicum nel panorama domestico pompeiano.
Le due grandi strutture aprono per la prima volta al pubblico, con un'esposizione di reperti originali in più ambienti e nella cucina del percorso sotterraneo del complesso di Championnet,  secondo il progetto già da tempo avviato a Pompei di musealizzazione diffusa, che vede ricollocati in loco oggetti e strumenti del passato ivi ritrovati.

complesso Championnet fbe1339205de7fc119908a8a3468ff8dIl complesso di Championnet - I quartieri panoramici a terrazze, un intero quartiere residenziale a sud del Foro e della Basilica, posto tra la terrazza del santuario di Venere ad ovest e le Terme del Sarno a sud- est, era da anni interdetto al pubblico. L’intero Casa dei mosaici geometrici 2 2084178 WhatsApp Image 2016 11 16 at 11 32 01complesso, un cantiere complessivo di 4100mq, di cui fa parte anche le Casa dei mosaici geometrici con relativi ambienti ipogei: 140 mq visitabili nell’area di Championnet I e gli edifici municipali che affacciano sul Foro, già aperti a novembre 2016, è stato totalmente restituito alla pubblica fruizione con l’apertura del secondo lotto, che ha interessato le case di Championnet I e II (2100mq) ed il cortile delle murene 1 Copiacosiddetto cortile delle Murene, ben1800mq, di cui 100mq di area espositiva attrezzata (ex Cabina Enel).

Championnet sotterraneiDSCF3950 CopiaIl complesso prende nome dal generale Jean Étienne Championent che, nel periodo della presenza francese a Napoli, dopo la fuga di Ferdinando IV di Borbone nel 1799, fu il grande fautore delle ricerche a Pompei che, all’epoca, si concentrarono nella zona. Si tratta di un quartiere esclusivo dell’antica Pompei, per la sua vicinanza alla principale piazza urbana, fulcro della vita civile, religiosa ed economica della città, e per la presenza di grandi domus articolate su terrazze con scale, rampe, logge e criptoportici, con vista panoramica sul golfo verso le isole, le cosiddette “case su pendio” che dovevano appartenere a ricchi esponenti del ceto aristocratico cittadino e complesso Championnet cantine untitledche rappresentano uno dei più singolari aspetti dell’edilizia pompeiana. Le panoramiche case a terrazze, che contraddistinguono questo quartiere, atipiche rispetto alla domus tradizionale che si rispecchia nel retrostante tessuto abitativo urbano, mostrano una sostanziale modifica nella concezione dell’articolazione degli ambienti rispetto alla casa ad atrio, attraverso uno sviluppo graduale della tendenza all’inglobamento dell’aspetto panoramico nella nuova distribuzione degli spazi abitativi.

atrio Casa del marinaio CopiaCasa del Marinaio (Regio VII 15, 2) - La domus, portata alla luce a partire dal 1871, deve il suo nome al mosaico con sei prue di navi posto nell’ingresso e  racchiude in sé aspetti tipici di una elegante e tradizionale casa di città con l’utilizzo di magazzini a carattere commerciale e produttivo.
L’edificio venne edificato alla fine del II sec. a.C. in un’area vicina al Foro, in cui l’andamento del terreno era sensibilmente in salita verso nord-est ed è pertanto articolato su due livelli: a sud poggia su un alto terrazzamento riempito e livellato, mentre a nord si estende su alcuni ambienti voltati semi-ipogei con accesso dal vicolo dei soprastanti (VII 15, 16). I due piani sono raccordati da un giardino incassato, situato nell’angolo nord-ovest della domus.

Casa del Marinaio 2 131010070125 CopiaI principali ambienti dell’abitazione si aprono su un imponente atrio tuscanico, decorato da apparati decorativi di Terzo stile con numerosi ed interessanti mosaici in bianco e neroNel corso del I sec. a.C. l’edificio venne ampliato verso oriente con l’acquisizione di un’ala destinata ad ospitare un piccolo complesso termale, mentre nel I sec. d.C. tutti gli spazi del livello inferiore vennero riconvertiti a laboratorio di un panificio e messi in collegamento con i magazzini già esistenti, nel contempo venne ricavato, ad ovest, un secondo atrio per il settore servile.

Apollo e artemide cacciano i niobidi da casa del marinaio pompei 111479 01 CopiaLa consegna del cantiere, per i lavori di restauro è avvenuta il 5 agosto 2013 ed i lavori di restauro hanno previsto la risoluzione di situazioni molto critiche dal punto di vista statico, a cui già in passato si è cercato di porre rimedio con tiranti metallici. Si,è dovuto, inoltre, procedere alla rigenerazione delle capacità strutturali, venute meno mediante il ripristino della continuità muraria, oltre che ricostruire solai e coperture ove necessario, per la conservazione dei pavimenti a mosaico, e predisporre infine un adeguato sistema di smaltimento delle acque piovane. Sono state così state eseguite le operazioni preliminari di protezione dei pavimenti e degli intonaci e si è provveduto alla messa in sicurezza delle murature più degradate. Sono state rifatte le sommità murarie e le operazioni di consolidamento delle murature. Un successivo specifico lotto ha riguardato, invece, i lavori di restauro conservativo sugli apparati decorativi.