Ven08072020

autonoleggio

Back Sei qui: Home ATTIVITA' AMMINISTRATIVE Regione Regione / Piano Scolastico 2016-17: Bocciate le richieste dell’Isis Baianese – Lauro

Elezioni Politiche

Regione / Piano Scolastico 2016-17: Bocciate le richieste dell’Isis Baianese – Lauro

De Luca e Fortini 800x446N.R. – 03.02.2016 - La Giunta Regionale della Campania, su proposta dell’assessore al ramo Lucia Fortini, ha approvato, nella seduta del 26 gennaio, la programmazione dell’offerta formativa e l’organizzazione della rete scolastica della Campania per l’anno 2016/2017. Il provvedimento prende spunto dalle proposte contenute nei piani provinciali ed Il piano contiene, inoltre, l’attivazione dei nuovi indirizzi di studio; prevede, tra l’altro, che la rete scolastica sia riorganizzata secondo le proposte contenute nei piani provinciali e deliberate dalle amministrazioni comunali o provinciali, secondo la rispettiva competenza, coerenti con gli indirizzi regionali. Il piano contiene, inoltre, l’attivazione dei nuovi indirizzi di studio, opzioni ed articolazioni negli istituti secondari di secondo grado, secondo le disponibilità in organico e a salvaguardia dell’autonomia scolastica degli istituti stessi.

Su questo fronte. brutte notizie per le istituzioni scolastiche della Bassa Irpinia. L’Isis Nobile-Amundsen non ha ottenuto il via libera della Regione all’attivazione dei nuovi indirizzi di studio richiesti per il tramite della Provincia di Avellino. Quattro le richieste avanzate agli inizi di gennaio dalla dirigente scolastica Marina Petrucci: la sezione coreutica presso la sede del Liceo Musicale di Lauro; l’indirizzo tessile-sartoriale e la qualifica professionale triennale in acconciatura ed estetica presso l’istituto tecnico di Avella; l’indirizzo delle Arti ausiliarie delle professioni sanitarie – ottico. Quest’ultimo indirizzo sarebbe stato propedeutico all’istituzione del Polo Formativo delle Professioni Sanitarie per il cui finanziamento, nel 2016, la Provincia di Avellino aveva preso accordi con i sindaci del Baianese e del Vallo di Lauro.

Dunque, malgrado gli sforzi profusi, l’istituzione scolastica della Bassa Irpinia non riesce ad ottenere l’ampliamento dell’offerta formativa che le avrebbe permesso di incrementare il proprio sex appeal nei confronti di studenti e genitori.