Lun09232019

autonoleggio

Back Sei qui: Home ATTIVITA' AMMINISTRATIVE COMUNI Avella / Commissione sulle disabilità: La giornata delle diversità e il ruolo delle Associazioni in agenda

Elezioni Politiche

Avella / Commissione sulle disabilità: La giornata delle diversità e il ruolo delle Associazioni in agenda

avella palazzo baronale1C.S. - 25.01.2016 - La Commissione sulle disabilità,  riunitasi il 14 gennaio scorso presso il palazzo baronale,  presenti il presidente della Commissione Pellegrino Palmieri e l’assessore al ramo Agostino Vitale per l’amministrazione comunale, Michele Amato, Ernesto Sasso e il prof. Vincenzo Serpico in rappresentanza delle Associazioni, ha  discusso di proposte concrete a sostegno dei diversamente abili e delle fasce deboli, quali la creazione de “La giornata delle diversità” e il controllo da parte della Commissione degli spazi e delle strutture comunali con il relativo adeguamento per permetterne la fruibilità a tutti.

Una task force questa mai costituita che nasce grazie alla presenza sul territorio del dirigente scolastico Serpico, diventato da qualche anno cittadino avellano,ma anche da Giovanni De Luca della Uildm di Cicciano, e l’impegno delle due parti politiche.

Gli addetti ai lavori hanno raccolto tutte le notizie necessarie per avviare la fase organizzativa di questa prima giornata che coinvolgerà sindaci, cittadini e istituzioni in modo da produrre una relazione e una sorta di tracciabilità dei punti inaccessibili ai diversamente abili. L evento vuole essere anche un momento di svago e confronto con tutti, l’obiettivo è quello di dare un chiaro segnale alle istituzioni al fine di adeguare tutti gli spazi comunali.

Intanto si lavora anche per l Istituzione della Consulta delle Associazioni da parte del Comune di Avella, già riconosciuta dalla Fondazione Avella Città d’arte, ma poco incisiva e non del tutto riconosciuta giuridicamente. Soddisfatto Amato che ha affermato: “Senza nulla togliere alla Fondazione, la proposta di Vitale e Palmieri è condivisibile al 100%, perché corona tutti gli sforzi fatti dal sottoscritto e dai vari rappresentanti delle associazioni attive di Avella. Solo tramite l’approvazione in Consiglio comunale dei regolamenti e della Consulta si può mettere fine a momenti di confusione, inoltre in questo modo le linee da seguire e gli obiettivi saranno più chiari”.

Prima delle approvazioni finali Palmieri fa sapere che devono essere rispettati tutti i passaggi propedeutici, tra questi la discussione e la verifica con le Associazioni, i cittadini, gli addetti ai lavori e alla Fondazione.