L U S T R I TEATRO / COMPLESSO MONUMENTALE DI SANTA CHIARA - SOLOFRA (AV): CINQUE LUSTRI DI HYPOKRITÈS IN IMMAGINI, SCENE E VIDEO

  • Stampa

Il messaggio del direttore Marangelo ai giovani:“Restare ed esprimersi nei propri luoghi”. Mostra, Venerdì 20, Sabato 21 e Domenica 22 novembre, ore 9.30-12.30/17.30-20.30,

solofra S. ChiaraC.S. – 20.11.2015 - Venerdì 20, sabato e domenica, visitabile la Mostra di L U S T R ITEATRO allestita all’interno di cinque stanze comunicanti, nel complesso monumentale di Santa Chiara, nel cuore del centro storico di Solofra (Avellino). La Mostra "Cinque lustri di Hypokritès in immagini, scene e video" è stata curata dai Maestri Michele Paolillo e Luigi Grosso.

Si tratta di un percorso affascinante tra musica, recitazione, reading, video e racconto, attraverso i 25 anni di vita, lavoro, performance e ricerca dell’Associazione Hypokritès Teatro Studio, diretta dal regista e attore Enzo Marangelo.

Orari di visita della Mostra dal venerdì alla domenica: 9.30-12.30/17.30-20.30 fino al 10 gennaio 2016.

Dall’ingresso, in cui si trovano delle gigantografie di scena e del logo della compagnia,  si accede a un corridoio e alle stanze

Lustri Mostra 1Origini. Nella prima stanza il tema è quello delle origini, tutto il lavoro artistico di Hypokritès Teatro Studio, dalla costituzione ufficiale della compagnia fino al 1994, un periodo in cui tutto il lavoro è basato sul teatro in vernacolo da Paolo Salsano a Eduardo De Filippo.

Fase Intermedia. Si entra nella seconda stanza e nella fase intermedia della vita della compagnia, ovvero gli studi e i lavori artistici sul teatro classico, basati anche sulla formazione accademica, dai classici greci a Luigi Pirandello per finire a Roberto Cavosi.

Ricerca Teatrale e Sperimentazione. Si accede alla terza stanza dove si incontra la fase sperimentale e quella più recente di Hypokritès Teatro Studio. Un lavoro che risente di nuovi studi, tutti basati sul corpo dell’attore e su vari linguaggi interpretativi.

Lustri Mostra 2Stanza Multimediale. La quarta è la stanza delle proiezioni multimediali sugli estratti video dai lavori più rappresentativi di Hypokritès Teatro Studio, dall’installazione performativa Breviario del caos di Albert Caraco a Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar, da Quad di Samuel Beckett a Geometrie esistenziali dello stesso Enzo Marangelo.

Stanza Delle Testimonianze. Nella quinta e ultima stanza ci sono reading, musica, immagini, da autori molto famosi che hanno avuto un’influenza particolare sulla vita, la ricerca e le opere di Hypokrytès Teatro Studio.

Marangelo EnzoLa mostraha spiegato Enzo Marangelo, che è anche direttore artistico di L U S T R ITEATRO - è un’occasione non solo per ammirare un lavoro appassionato e lungimirante di un gruppo di giovani amici che aveva iniziato a fine anni Ottanta a fare teatro in maniera inconsapevole, ma anche per confrontarsi  e riflettere su quanto la cultura in generale possa incidere favorevolmente sul nostro vivere quotidiano, sul nostro pensiero libero e autonomo, sulla possibilità che anche in un piccolo centro si possa offrire una proposta artistica, atto tangibile di resistenza culturale e opportunità sociale. Restare ed esprimersi nei propri luoghi di appartenenza  è necessario al giorno d’oggi e diventa forse l’alternativa più logica sebbene in controtendenza rispetto alla fuga di giovani menti verso metropoli ormai caotiche e globalizzate”.

Si annoverano tra i visitatori non solo liberi cittadini, addetti ai lavori, chi ha fatto parte del gruppo in questi anni, ma anche scolaresche di ogni ordine e grado per conoscere ed approfondire quanto il teatro sia fondamentale nella formazione caratteriale e culturale.

15074 731x0 w 10226a49415a2d6f7f139ebfb063d044L U S T R I TEATRO, realizzato da Hypokrytès Teatro Studio, in collaborazione con il Comune di Solofra, si avvale del patrocinio morale di: Università degli Studi di Salerno, UnisArt, Unis@und, Università di Napoli “Federico II” e Società Filosofica Italiana sezione napoletana “G. Vico”

Solofra, posta in una conca dei monti Picentini, abitata fin dall’età del Bronzo, e che ha ospitato alcuni dei grandi popoli che si sono susseguiti nella storia, dai sanniti ai romani, ai longobardi, ai normanni, offre una doppia location per gli eventi: il complesso monumentale di Santa Chiara per le sezioni Cinema (Sala Conferenze), Letteratura (Sala Archi), Filosofia (Sala Archi) e Mostre (piano superiore) e l’auditorium centro Asi, in cui si svolge la Stagione Teatrale.

Ufficio Stampa : Piera Carlomagno

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.