Mer11222017

Last updateMar, 21 Nov 2017 2am

autonoleggio

Back Sei qui: Home Cultura e Spettacoli CINEMA: QUESTA SERA L'INAUGURAZIONE DELLA 72ESIMA EDIZIONE DELLA MOSTRA DI VENEZIA

Cultura e Spettacoli

CINEMA: QUESTA SERA L'INAUGURAZIONE DELLA 72ESIMA EDIZIONE DELLA MOSTRA DI VENEZIA

 

venezia - Elisa SednaouiL'attrice Elisa Sednaoui (nella foto) sarà la madrina delle serate di apertura e di chiusura della 72/a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, che si svolgerà al Lido dal 2 al 12 settembre, diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta. Una valanga di esordi alla regia in tutte le sezioni e 16 autori per la prima volta in gara nel concorso internazionale che sarà inaugurata questa sera alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Così la Mostra del Cinema di Venezia nella sua 72/a edizione, punta più che mai sullo scouting di nuovi talenti (già missione del progetto annuale Biennale College) e sul mettersi in gioco di autori già conosciuti e pluripremiati; tra gli altri, Atom Egoyan, Pablo Trapero, Laurie Anderson, Luca Guadagnino, Charlie Kaufman, Tom Hooper. Fra i quattro italiani in gara fa un doppio debutto Piero Messina, all'opera prima e all'esordio al Lido con L'attesa, storia al femminile con Juliette Binoche. Altro primo film in corsa per il Leone d'oro (e come le altre opere prime del Festival, per il Leone del futuro Luigi De Laurentiis, ndr), è il venezuelano Desde allá di Lorenzo Vigas, che ha scritto la sceneggiatura insieme a Guillermo Arriaga. Inoltre l'esordiente Duke Johnson, firma con lo sceneggiatore premio Oscar Charlie Kaufman (qui all'opera seconda da regista ma per la prima volta in concorso a Venezia) l'animato Anomalisa. Luca Guadagnino, che aveva presentato alla Mostra, nel 1999 la sua opera prima The protagonists (sezione Nuovi territori), nel 2004, Cuoco contadino (Cinema Digitale), nel 2009 Io sono l'amore (Orizzonti) e nel 2013 Bertolucci on Bertolucci (Venezia Classici), debutta nel concorso principale con A Bigger splash (remake de La piscina di Jacques Deray) interpretato dal quartetto Ralph Fiennes, Tilda Swinton, Matthias Schoenaerts e Dakota Johnson. Tra gli altri grandi autori al debutto nella gara veneziana, Atom Egoyan e il suo Remember, storia di ferite della guerra e vendette con Christopher Plummer e Martin Landau; Pablo Trapero, che in El Clan racconta la vicenda reale della famiglia Puccio, rapitori e omicidi; Tom Hooper, Oscar come miglior regista nel 2011 per Il discorso del re arriva con The Danish Girl, su Lili Elbe (Eddie Redmayne), uno dei primi transessuali a sottoporsi nel 1930 alla procedura chirurgica per il cambio di sesso. Inoltre Laurie Anderson mescola le arti e racconto autobiografico in Heart of a dog, nel quale esplora il tema del lutto. In Orizzonti, fra i debutti alla regia in gara (sette in tutto) c'è Pecore in erba di Alberto Caviglia, commedia surreale ambientata a Trastevere sulla sparizione di un personaggio misterioso e fuori le righe. Mentre il divo Robert Pattinson è protagonista dell'esordio di Brady Corbet, The Childhood of a Leader, che ispirandosi al racconto omonimo di Jean- Paul Sartre e al romanzo di John Fowles, Il mago, mette in scena l'inquietante percorso di crescita di un leader fascista in erba, nell'Europa Post I guerra Mondiale. Nella Settimana della Critica, da sempre dedicata alle opere prime c'è in gara per l'Italia Banat di Adriano Valerio, storia di Ivo, agronomo che non avendo opportunità in Italia, accetta un lavoro in Romania. Ben dieci inoltre gli esordienti alle Giornate degli Autori: tra gli altri, l'opera animata Bangland di Lorenzo Berghella, su una America distopica; il documentario Harry's Bar di Carlotta Cerquetti e Arianna di Carlo Lavagna, viaggio nella propria identità di una diciannovenne intersessuale. Inoltre verranno proiettati i tre nuovi progetti prodotti nell'ambito della terza edizione di Biennale College, il laboratorio aperto a giovani filmmakers di tutto il mondo. Tra i film realizzati l'anno scorso c'è Short skin, l'opera prima di Duccio Chiarini, premiata ai Ciak d'oro, che ha trovato distribuzione in molti Paesi del mondo, Stati Uniti compresi.

 

More