Gio09192019

autonoleggio

Back Sei qui: Home Politica e Ambiente Ambiente La Chiesa di Nola e l’ambiente: responsabilità e prospettive

Politica e Ambiente

La Chiesa di Nola e l’ambiente: responsabilità e prospettive

gina-conte-centroDopo l'incontro, tenutosi a Baiano il 14 marzo scorso sul tema ambientale e le prospettive di un'azione sinergica sul territorio tra istituzioni, forze dell'ordine e i cittadini, anche in funzione di una Unione tra i Comini del Baianese, don Aniello Tortora, invitato da me all'incontro in rappresentanza dell'Ufficio diocesano per la salvaguardia del creato e le politiche sociali, nonché promotore della scuola politica diocesana, ha inviato queste sue riflessioni per stimolare, le nostre comunità, alla partecipazione e all'azione verso queste problematiche che riguardano il futuro dei territori. Le invio affinché possiate divulgarle e farle conoscere, a motivo di sostegno da parte della chiesa di Nola per quanti operano nell'interesse esclusivo del bene comune.
Grazie, Gina Conte

don Aniello Tortora 2LE RIFLESSIONI DI DON ANIELLO
Baiano, 14 marzo 2014 - Spetta ai credenti vedere, leggere, capire discernere i fatti del presente, per scrutare il futuro e orientare la nostra azione con spirito profetico. In seguito all'Incarnazione di Gesù Cristo noi cristiani sentiamo che la missione della Chiesa è costruire il Regno di Dio nella realtà della nostra storia, perché è qui che si svolge la lotta per la salvezza.
Al n. 25 del Documento "Chiesa italiana e Mezzogiorno, Sviluppo nella solidarietà" dell'Ottobre 1989, i vescovi italiani indicavano quale doveva essere la testimonianza coraggiosa e profetica della comunità dei credenti:" La chiesa, oggi, specie quella operante nel Sud, di fronte alle situazioni di disagio e di attesa deve esprimersi come 'segno di contraddizione', in ogni suo membro, in tutte e singole le sue comunità, in ogni sua scelta, rispetto alla cultura secolari sta e utilitaristica e di fronte a quelle dinamiche socio-politiche che sono devianti nei confronti dell'autentico bene comune. La chiesa deve essere profeticamente libera, come si sta sforzando di essere, da ogni influsso, condizionamento e ricerca di potere malinteso; deve educare con la parola e la testimonianza di vita alla prima beatitudine del Vangelo che è la povertà, come distacco dalla ricerca del superfluo, da ogni ambiguo compromesso o ingiusto privilegio, come sevizio sino al dono di sé, come esperienza generosamente vissuta di solidarietà.
Io credo che tocchi a tutti e a ciascuno di noi fare un serio esame di coscienza. Siamo tutti coinvolti in questa storia di emergenza ambientale e, anche se con ruoli, modalità e gradualità diverse, ne siamo tutti responsabili.
Lo siamo noi cittadini che con i nostri troppi consumi produciamo i rifiuti e molto lentamente ci stiamo educando alla raccolta differenziata. Abbiamo anche delegato troppo alla politica. Poco abbiamo esercitato la cittadinanza attiva. La stessa accettazione dello status quo e la mancanza di un certo spirito critico hanno prodotto questa situazione, in alcuni casi, di fatalismo e di rassegnazione, vero cancro, insieme alla criminalità, della società meridionale.
Ma se dopo tanti anni, siamo ancora qui a parlare di emergenza, particolarmente l'intera classe politica ha le sue grandi e gravi responsabilità. La stessa mappatura dei siti inquinati non convince l'intera popolazione. Non si è riusciti ancora a risolvere il problema del ciclo integrato dei rifiuti. Sembra quasi che l'emergenza sia voluta e che serva a qualcuno, certamente a gente di malaffare. E' terreno continuo di coltura per le ECOMAFIE
Quello che è accaduto sul nostro territorio in questi anni è sotto gli occhi di tutti. Zone con discariche abusive (il famoso triangolo della morte Acerra-Marigliano-Nola), al alto tasso diossina, per sversamenti di rifiuti tossici, con la complicità di industrie del Nord e della criminalità organizzata, che, invece di essere bonificate, sono state scelte per localizzare altri impianti. La salute dei cittadini messa, poi, costantemente in pericolo: studi scientifici hanno dimostrato la costante crescita delle patologie tumorali e delle vie respiratorie.
Nell'udienza del 3 novembre 2010 Papa Benedetto, presentando come modello S. Margherita, certosina medievale, ha detto che "la santa "nella sua anima ha lasciato entrare la parola, la vita di Cristo nel proprio essere e così è stata trasformata; la coscienza è stata illuminata, ha trovato criteri, luce ed è stata pulita.
Proprio di questo abbiamo bisogno anche noi: lasciare entrare le parole, la vita, la luce di Cristo nella nostra coscienza perché sia illuminata, capisca ciò che è vero e buono e ciò che è male; che sia illuminata e pulita la nostra coscienza. La spazzatura non c'è solo in diverse strade del mondo. C'è spazzatura anche nelle nostre coscienze e nelle nostre anime.
A me pare proprio che Papa Benedetto in poche parole abbia sintetizzato tutti questi anni di EMERGENZA AMBIENTALE sul nostro territorio.
Questo nostro territorio, violentato con scelte folli piovute dall'alto, ha davvero bisogno di una politica che ascolti il territorio, i bisogni reali della gente e persegui sempre e comunque, senza compromessi il BENE COMUNE.
E un'autorità politica che non si preoccupa del BENE COMUNE è di per sé illegittima. Questo concetto lo ha ben messo in risalto Papa Benedetto, il quale, nell'Enciclica Deus Caritas est, ha detto, citando S. Agostino, che "Uno Stato che non fosse retto secondo giustizia si ridurrebbe a una grande banda di ladri".
Ancora una volta la chiesa vuole dare voce alla gente (vox populi, vox Dei) e lanciare un altro appello a tutti gli Amministratori, soprattutto locali: No ad altre discariche, senza se e senza ma, sul nostro territorio! La nostra è gente virtuosa. Sta finalmente imparando a differenziare i rifiuti. In tanti comuni siamo ormai al 50-60% di raccolta differenziata. E' questa la strada maestra, insieme alla realizzazione di un efficiente ciclo integrato,per lo smaltimento dei rifiuti, per risolvere definitivamente il problema. Ancora una volta, cittadini, amministratori e chiesa, vogliamo unirci per difendere questa bellissima terra donataci da Dio e che non vogliamo svendere per nessuna compensazione ambientale. La nostra salute non è in vendita e non è merce di scambio! Come cittadini abbiamo solo voglia di tornare finalmente alla NORMALITA' e alla Campania felix di una volta. Il nostro territorio non può morire: ha bisogno di sviluppo vero, di lavoro dignitoso soprattutto per i giovani. Alla conclusione di queste brevi riflessioni lancio un appello ai sindaci e alle Amministrazioni comunali del Mandamento di Baiano: UNITEVI, mettetevi insieme. Superate quella visione miope di interessi di parte, che impedisce il vero sviluppo delle nostre zone. Solo INSIEME, potete progettare il futuro del nostro bellissimo territorio, per "custodirlo e coltivarlo". La Chiesa è disponibilissima a creare occasioni di incontro e di dialogo per il bene comune.
Giovanni Paolo II , nell'indimenticabile Visita alla Chiesa di Nola del 1992 così disse: " LA SPERANZA!... Costruire la SPERANZA!... Più grave del pur grave degrado economico e sociale è la rassegnazione. Bisogna reagire con coraggio!"
Insieme, vogliamo continuare ad essere sentinelle del creato, protagonisti del nostro sviluppo, osare la speranza e consegnare una terra più pulita e vivibile alle nuove generazioni. Ne hanno diritto.
Don Aniello Tortora