Lun09162019

autonoleggio

Back Sei qui: Home Politica e Ambiente Ambiente I veleni della Campania sul New York Times

Politica e Ambiente

I veleni della Campania sul New York Times

new york times terra fuochi-2Da Marigliano.net – 30.01.2014 - E' di poco tempo fa la pubblicazione sul "The New York Times" dell'intervista rilasciata il 09/01/2014 al giornalista Jim Yardley, capo dell'ufficio di Roma, sulla grave questione dell'annosa situazione del sito Agrimonda, ampiamente diffusa dalle testate giornalistiche. Il servizio di Jim Yardley è stato corredato da un fotoreportage della fotoreporter di Boston, Nadia Shira Cohen.
Drammatiche le testimonianze e le foto pubblicate dal quotidiano statunitense, che ha svolto un'inchiesta sui veleni che ammorbano l'intera Campania, ponendo in rilievo soprattutto la situazione di Marigliano e dell'Agrimonda che ha reso la situazione dei malati di tumore particolarmente grave e la situazione ambientale precaria. Così il reportage ha fatto conoscere la situazione dell'Agrimonda e degli altri disastri della cosiddetta Terra dei Fuochi anche negli Stai Uniti
AgrimondaNell' articolo si legge:" Nella vicina città di Marigliano, il reverendo Giannino Pasquale ha visto la diffusione del cancro rapidamente tra i suoi parrocchiani. Aprì il libro mastro verde che serve come il Registro di morte della parrocchia e contato per l'anno scorso: 27 morti, di cui 10 da cancro. Uno dei volontari più impegnati della parrocchia è morto di cancro al pancreas nel 2012, tre anni dopo anche sua moglie è morta di cancro".
"La mia sensazione è che ci sia un accordo tra i partiti politici e la camorra , " Padre Pasquale, ha detto. " Basta guardarsi intorno. Pneumatici e amianto sono gettati ai lati delle strade. Perché non è possibile controllare questa zona? "
E ancora:"Luigi Sodano, 57 anni, membro della parrocchia, ha perso più di 60 chili durante la sua battaglia con il cancro al pancreas. Sua madre ha un cancro alla vescica, suo nipote ha il cancro ai testicoli e la moglie di suo nipote ha il cancro al seno. Lui è così apatico da radioterapia che raramente lascia il suo appartamento. "Sono il suo angelo perché sono sempre con lui ", ha detto sua moglie, Angela Dioguardi, 53. ". Da NyTimes e foto di Nadia Shira Cohen

Di seguito il servizio di Jim Yardley " Una Mafia Legalizzata contamina la terra nel Sud Italia", per JIM YARDLEYJAN . 29 , 2014

terra-fuochi-napoliNel Sud Italia , una Legacy Mob di rifiuti tossici
Nadia Shira Cohen per The New York Times
CASAL DI PRINCIPE, Italia - Lo Stato italiano è arrivato nel cuore della mafia camorra questo mese porta un terna . Gli agenti di polizia in stivali neri lucidi posato per le telecamere come la terna recuperata in un campo incolto, alla ricerca di barili di rifiuti tossici o di qualche altro sarcofagi industriale illegale.
Due informatori mafiosi incarcerati avevano identificato il campo come uno dei luoghi segreti dove la camorra aveva sepolti rifiuti tossici, nei pressi di una regione a nord di Napoli, nota come il Triangolo della Morte a causa della comparsa di cluster di casi di cancro . Un gruppo ambientalista stima che 10 milioni di tonnellate di rifiuti tossici sono stati illegalmente sepolti qui sin dai primi anni 1990 , guadagnando miliardi di dollari per la mafia, anche come sostanze tossiche dilavati nel terreno e della falda freatica.
Mentre il margine di dumping è stato ampiamente documentato, la crisi spazzatura è solo peggiorata, come il problema parallelo della masterizzazione illegale di rifiuti tossici ha portato la regione un altro soprannome, la Terra dei Fuochi. Con le nuove rivelazioni di rifornimento indignazione pubblica, la questione è se il governo italiano affronterà la camorra e ripulire il pasticcio - e se la confusione può essere pulito a tutti.
"L'ambiente qui è avvelenato ", ha detto il dottor Alfredo Mazza, un cardiologo che ha documentato un allarmante aumento dei casi di cancro locali in uno studio del 2004 pubblicato sulla rivista medica britannica The Lancet. "E 'impossibile per ripulire il tutto. La zona è troppo vasto." Ha aggiunto: " Stiamo vivendo sulla cima di una bomba ."
Garbage è un problema annoso in Italia come discariche a corto di spazio, scatenando crisi periodiche in città come Roma e Napol . Ma la terra della camorra, che si estende dal Mar Tirreno fino alle colline dell'Appennino, è un tableau particolarmente vivo della bellezza in rovina.
Garbage è disseminata lungo le autostrade, gettato sotto cavalcavia o scaricati in cima canali di irrigazione . Ricerca Ratti per il cibo tra i fogli di scarto di amianto, schermi di computer rotti e barattoli di vernice vuoti. Pennacchi di fumo nero spesso salgono, le viscere di spazzatura illegalmente masterizzati da colline lontane o campi abbandonati .
Il paesaggio è il risultato di decenni di trattative segrete tra i produttori in Italia e non solo, che hanno cercato di evitare i costi elevati di legge smaltimento dei rifiuti pericolosi, e la camorra, una delle tre organizzazioni mafiose principali d'Italia, che ha visto il potenziale per fare enormi profitti smaltire illegalmente.
Seppellendo i rifiuti nel suo cortile di casa nei pressi di Napoli e la regione circostante della Campania, dove nacque la camorra, la mafia ha garantito una misura di protezione, e il silenzio. Bosses spesso esercitano una forte influenza sull'economia e la politica locale, soprattutto nei piccoli centri come Casal di Principe .
" La mafia ha fatto i soldi sulla spazzatura", ha detto Ciro Tufano, 44 anni, un commercialista che ha trascorso due decenni spinge i funzionari a ripulire un sito tossico vicino a casa sua. "I politici devono essere stati consapevoli, ma non importa. Nessuno stava seguendo questa scia di immondizia".
Il pubblico ha risvegliato negli ultimi mesi, però, dopo una serie di rivelazioni e proteste che hanno portato migliaia di persone per le strade di Napoli nel mese di novembre.
Alcune rivelazioni provenivano dalla declassificati 1997 testimonianza di Carmine Schiavone, ex tesoriere del clan dei Casalesi, uno dei più potenti fazioni camorristiche. Parlando in segreto a una commissione parlamentare d'inchiesta, il signor Schiavone aveva descritto le operazioni notturne in cui mafiosi che indossano uniformi della polizia sorvegliavano la sepoltura di rifiuti tossici da lontano come la Germania .
"Stiamo parlando di milioni di tonnellate, " Mr. Schiavone ha avvertito nella sua testimonianza 17 anni fa, raffigurante un disastro ambientale.
Poi, il newsmagazine italiano L'Espresso ha pubblicato un articolo di copertina intitolato " Bevi Napoli e poi muori . " L'articolo dettagliato una indagine sulla salute pubblica condotta nel 2008 dalla Marina degli Stati Uniti, che ha una base a Napoli. Lo studio Marina, che non era stato pubblicizzato in Italia, ha trovato la contaminazione dell'acqua grave. Descriveva "rischi inaccettabili " in alcune aree e raccomanda che tutti gli americani di stanza nella regione di utilizzare acqua in bottiglia per bere, la preparazione dei cibi e lavarsi i denti.
Il mese scorso, il Primo Ministro Enrico Letta ha approvato un decreto per aumentare le pene detentive per lo scarico illegale di rifiuti o di bruciore. Questo mese, il governo ha annunciato che un contingente di soldati italiani sarebbe condurre pattugliamenti antidumping nella regione.
"Questa è una risposta ad una situazione di emergenza", ha detto il generale Sergio Costa, comandante della regione di Napoli per la polizia ambientale d'Italia. "I politici devono ora rispondere perché le persone stanno marciando per le strade. "
L'operazione di scavo con la terna di questo mese doveva dimostrare ritrovata volontà del governo. La posizione era appena fuori i soliti parametri del Triangolo delle zone di dumping morte, ma in una città sinonimo con il clan dei Casalesi. I giornalisti sono stati invitati tra le aspettative che la terna sarebbe dissotterrare contenitori di rifiuti pericolosi. Nel 2008, un camion con prodotto chimico era stato scoperto sotto un campo a pochi chilometri di distanza.
Ma ciò che è emerso dopo ore era sporco e scetticismo. I funzionari hanno detto più tardi che scavo avrebbe continuato per settimane e che i quantitativi di amianto e di fango contaminato da rifiuti industriali erano già stati recuperati. Il proprietario del terreno, Stanislao Di Bello, un avvocato che ha acquistato il terreno nel 1990 come un investimento, osservava il lavoro da vetri dietro oscurati, indifferente. Ha detto che le autorità avevano anche scavato la terra nei primi anni 1990, ma non trovò nulla. "Ora, dopo 16 anni, il film si ripete, " ha detto.
La più grande domanda è se i materiali tossici interrati potrebbero causare una crisi di salute pubblica. Più di 500.000 persone vivono nella regione, e lo studio Lancet e altri rapporti hanno documentato tassi di cancro molto al di sopra della media nazionale. Anche se nessuno studio ha cercato di dimostrare un legame diretto, un rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità condotto con le istituzioni sanitarie nazionali e locali gruppi documentati di fegato, rene, pancreas e di altri tumori in aree conosciute come discariche .
Nella vicina città di Marigliano, il reverendo Giannino Pasquale ha visto la diffusione del cancro rapidamente tra i suoi parrocchiani. Aprì il libro mastro verde che serve come il Registro di morte parrocchia e contato per l'anno scorso: 27 morti, 10 da cancro. Uno dei volontari più impegnati della parrocchia è morto di cancro al pancreas nel 2012, tre anni dopo anche sua moglie è morta di cancro .
"La mia sensazione è che ci sia un accordo tra i partiti politici e la camorra, " Padre Pasquale, ha detto. " Basta guardarsi intorno. Pneumatici e amianto sono gettati ai lati delle strade. Perché non è possibile controllare questa zona? "
Luigi Sodano, 57 anni, membro della parrocchia, ha perso più di 60 chili durante la sua battaglia con il cancro al pancreas. Sua madre ha un cancro alla vescica, suo nipote ha il cancro ai testicoli e la moglie di suo nipote ha il cancro al seno. Lui è così apatico da radioterapia che raramente lascia il suo appartamento. "Sono il suo angelo perché sono sempre con lui ", ha detto sua moglie, Angela Dioguardi 53.
Il Generale Costa, il comandante della polizia ambientale, ha detto che la camorra aveva smesso di seppellire i rifiuti a pochi anni fa e ora illegalmente trasporto esso verso l'Europa orientale e nei Balcani. La superficie in cui i rifiuti è sepolto è relativamente piccolo, ha detto, ma i rischi sono significativamente più elevati perché le discariche sono sparsi in una vasta area. "E ' scorre dappertutto , " ha detto. "Puoi essere un agricoltore che involontariamente irrigando la vostra terra con acqua inquinata. "
Gli agricoltori locali si lamentano che i prezzi sono in calo perché i grossisti sono diffidenti di acquistare i loro prodotti . Preoccupazioni sono state sollevate anche sulla famosa mozzarella della regione, anche se il generale Costa ha detto che la produzione era strettamente controllata e che si erano verificati casi di contaminazione .
Ha ricordato i primi giorni della crisi dei rifiuti, quando ha sentito una conversazione intercettata tra un boss della camorra e un altro mafioso. "Stiamo inquinando la nostra casa e la nostra terra ", ha detto il mafioso. "Quello che stiamo andando a bere ? " " Sei un idiota ", il boss rispose . " Ci beviamo l'acqua minerale ". (Articolo tradotto con Google translate)